Il cuore polveroso delle galassie attive

Il cuore polveroso delle galassie attive

December 3, 2014
in Category: Astronomia, Uncategorized
0 576 0
Il cuore polveroso delle galassie attive

Le galassie più luminose non sono particolarmente brillanti nella regione della luce visibile. La maggior parte della luce, che può essere cento o mille volte superiore rispetto a quella della nostra Via Lattea, viene emessa su frequenze d’onda a raggi infrarossi. La fonte di energia di queste galassie è la formazione delle stelle e altre attività che si manifestano attorno a un buco nero super massiccio nella zona centrale, detta nucleo galattico attivo (AGN).

La radiazione dai processi fisici intorno all’AGN viene assorbita dalla polvere riemessa nei raggi infrarossi. Il modo e il grado in cui l’AGN influenza le zone circostanti sono una parte importante dell’evoluzione di ciascuna galassia. Gli astronomi che lavorano al progetto AGNPROBES (“AGN as probes of galaxy evolution”), finanziato dall’UE, hanno quantificato con successo i processi relativi.

Gli scienziati di AGNPROBES hanno studiato due tipi diversi di quasar oscurati dalla polvere cosmica, la regione compatta al centro delle galassie che include un buco nero. Hanno selezionato galassie in cui le stelle stanno ancora nascendo vicino al centro o in cui si stavano formando fino a un periodo recente. La massa dell’AGN è stata stimata e paragonata alla dispersione statistica della velocità delle stelle intorno al loro valore medio.

Per il campione di galassie dove si verifica attualmente la nascita delle stelle, gli astronomi hanno scoperto più buchi neri massicci al loro centro e una minore dispersione della velocità stellare. Insieme allo spostamento di linee di emissione verso le frequenze d’onda più lunghe, causato dall’atmosfera delle stelle, questi risultati hanno indicato una crescita insolitamente rapida di queste galassie.

Lo stesso trend è stato osservato nel campione dei quasar post-esplosione. Gli spettri di questi AGN hanno mostrato tutte e due le ampie linee di emissione e le linee di assorbimento accanto alla galassia ospite. Queste sono state utilizzate per valutare per la prima volta la velocità di dispersione delle stelle intorno al centro delle galassie, che era stato creato prima che l’attività di formazione delle stelle si fosse temporaneamente arrestata.

Il progetto AGNPROBES è stato un tentativo sistematico di analizzare le galassie con uno spostamento verso il rosso più elevato rispetto a quelle analizzate finora. Attraverso la relazione empirica M-sigma tra la massa dei buchi neri e la dispersione della velocità stellare, il legame casuale tra le galassie e i buchi neri super massicci residenti al loro centro è stata compresa meglio. Tuttavia, la questione dell’interdipendenza e della sua origine resta aperta.

 

Pubblicato da Cordis

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *